Una delle più grandi società di atletica leggera nel Lazio

OLIMPIA ATLETICA NETTUNO

REGOLAMENTO INTERNO

REGOLAMENTO INTERNO

 
DELL’ASSOCIAZIONE
SPORTIVA DILETTANTISTICA

OLIMPIA ATLETICA NETTUNO
 
1 – FINALITA’ DELL’ASSOCIAZIONE

L’Associazione Sportiva Dilettantistica Olimpia Atletica Nettuno (qui di seguito semplicemente chiamata “Associazione”)
è apolitica, senza fini di lucro, ed ha come unica finalità l’attività sportiva (agonistica e non) dell’atletica leggera ed altre discipline ludico sportive ad esso affini, nel pieno rispetto delle leggi vigenti, dello Statuto sociale e delle norme della Federazione Sportiva (FIDAL) cui essa è affiliata, nonché seguendo le disposizioni del CONI in materia di Associazioni Sportive Dilettantistiche.


2 – ISCRIZIONE ALL’ASSOCIAZIONE

2.1 Requisiti del candidato socio
L’iscrizione all’Associazione è consentita a tutte le persone senza discriminazioni di sesso, razza, religione, orientamento politico, e comporta l’integrale ed incondizionata accettazione dello Statuto sociale e del presente Regolamento (del quale riceve copia all’atto dell’iscrizione). Non potrà essere accettata l’iscrizione o la permanenza all’interno dell’Associazione di pregiudicati o di persone di cui sia nota o accertata la tendenza a comportamenti violenti, intolleranti o incivili o di atleti appartenenti ad altre associazioni.

2.2 Modalità di iscrizione

L’iscrizione del socio dovrà avvenire attraverso la sottoscrizione della richiesta di iscrizione con l’apposito modulo di richiesta. Eventuali dati e/o dichiarazioni non veritiere che venissero accertati, comporteranno l’immediata esclusione del socio, con l’annullamento immediato della richiesta di iscrizione: la quota associativa eventualmente versata non sarà in alcun modo restituita.

2.3 Periodo di prova

I Soci verranno sottoposti ad un periodo di prova di 3 mesi, nei quali il Direttivo verificherà attentamente il profilo del candidato, le sue caratteristiche, le affinità con lo spirito dello sport, con l’Associazione e con gli altri Soci. Il Direttivo si riserva inoltre, a proprio insindacabile giudizio, ogni decisione in merito alla conferma o bocciatura del candidato socio. In nessun caso il Direttivo sarà tenuto a motivare le propria decisioni.

2.4 Idoneità degli associati 

L’iscritto sotto gli 11 anni di età è tenuto a presentare fin dal primo giorno di lezione il certificato medico di sana e robusta costituzione. Da 11 anni (età solare), l’iscritto è tenuto a presentare il certificato di idoneità sportiva agonistica. L’associazione stessa può organizzare cumulativamente per tutti gli iscritti che praticano attività agonistica lo svolgimento delle visite mediche presso un Centro di Medicina dello Sport convenzionato. Non saranno ammessi alle attività sportive (allenamenti e partite) gli iscritti che non abbiano presentato tutta la documentazione necessaria e in particolare i suddetti certificati.

2.4 Quota associativa

Tutti i soci, per definirsi tali e per svolgere quindi tutte le attività sociali, sono tenuti al versamento integrale della quota associativa annuale, il cui importo e le cui modalità di pagamento sono stabiliti dal Direttivo. Non sono ammessi acconti o pagamenti parziali: la quota va versata per intero. In nessun caso la quota è rimborsabile, nemmeno in parte. Il mancato versamento della quota nei tempi stabiliti comporterà la non iscrizione, la mancata copertura assicurativa obbligatoria e la cancellazione dall’elenco dei soci, con esclusione da qualsiasi attività associativa.
Pagata la quota, il socio riceverà la tessera dell’Associazione, ovvero la tessera della Federazione Sportiva a cui l’Associazione è affiliata. La tessera contiene i dati del socio ed un numero di serie che lo identifica ai fini assicurativi e sportivi, pertanto va custodita con cura. Le tessere dei minori sono conservati presso l’Associazione.

2.5 Allenatori, istruttori e tecnici


Tutti Soci, che svolgono l’attività di allenatore, istruttore o il tecnico non spazializzato, sono esonerati dal pagamento della quota associativa annuale. Pertanto loro percepiscono il rimborso in relazione al loro impegno e tempo impiegato nello svolgimento della loro attività. In ogni modo tutti i collaboratori sono soci effettivi della Associazione e sono subordinati a tutte le norme del presente regolamento.

3 – COMPORTAMENTO DEI SOCI – VITA SOCIALE E NORME DISCIPLINARI

3.1 Comportamento e atteggiamento dei soci
Ogni socio è tenuto ad avere sempre un comportamento corretto e leale nei confronti dell’Associazione, dei suoi iscritti e dei terzi, condizione essenziale per il mantenimento dei requisiti di iscrizione.
I Soci rappresentano l’immagine e la serietà dell’Associazione, pertanto sono tenuti sempre:
- in occasione delle gare o manifestazioni esterne a mantenere un atteggiamento responsabile e dignitoso, non lesivo del buon nome dell’Associazione;
- a partecipare all’attività dell’Associazione collaborando, se necessario e quando richiesto, con gli altri soci nello svolgimento dell’attività sportiva e rendendosi partecipi della buona riuscita e della divulgazione positiva dell’attività sociale.

3.2 Iniziative personali

Eventuali iniziative personali riguardanti l’Associazione (proposte, progetti, iniziative sportive e promozionali) dovranno sempre essere
preventivamente sottoposte all’esame del Direttivo
. Non sono in ogni caso ammesse iniziative autonome che comportino per l’Associazione disagio economico, organizzativo e di immagine.


3.3 Problemi di carattere privato, personale ed economico

E’ fatto assoluto divieto ai soci di coinvolgere l’Associazione e i suoi iscritti in problematiche private e/o personali e/o di carattere economico (pagamenti, controversie in genere) o nei rapporti interpersonali tra i soci e/o terzi (prestito di Asg o di materiale, danni ad attrezzature, ecc): tutte le controversie di carattere privato dovranno essere risolte esclusivamente tra i soggetti coinvolti, senza il benché minimo coinvolgimento dell’Associazione e del Direttivo.

3.4 Dimissioni

Le dimissioni da socio o da qualsiasi carica ricoperta in seno all’Associazione vanno sempre presentate per iscritto al Direttivo. Le dimissioni comportano la restituzione della tessera sociale e del distintivo dell’Associazione. La quota sociale non sarà restituita.

3.5 Espulsione e sospensione

Qualora il socio tenga un comportamento in contrasto con lo spirito dell’Associazione o commetta mancanze gravi nei confronti dell’Associazione, dei soci o dirigenti, violando lo Statuto e/o il Regolamento, o qualora manifesti comportamenti illegali, pericolosi o incivili, sarà sottoposto a provvedimento di espulsione. Il giudizio spetta al Direttivo che, valutati con attenzione tutti gli elementi a disposizione, si riserverà di decidere gli opportuni provvedimenti in merito. Il provvedimento di sospensione, di durata variabile a seconda dei casi (anche a
tempo indeterminato), potrà essere invece adottato per comportamenti di inferiore gravità, ma comunque in violazione delle norme statutarie e comportamentali. Nei casi di recidiva, il Direttivo potrà decidere per la definitiva radiazione del socio. Il Direttivo potrà altresì agire in via risarcitoria qualora la violazione abbia cagionato danni economici all’Associazione o ai suoi affiliati.


3.6 Consiglio direttivo


Il Consiglio Direttivo è composta da Presidente, Vice-Presidente, il Segretario e i Consiglieri, che vengono eletti dai soci fondatori. Il Direttivo è unico organo decisionale della Società.


Tutte le decisioni del Direttivo sono definitive e inappellabili.

3.7 Contestazioni – Divergenze

Qualora si verificassero all’interno dell’Associazione scorrettezze, ostilità, problemi o divergenze tra i soci, salvo i casi di natura privata e personale già citati al precedente articolo 3.3, il Direttivo avrà la facoltà (non l’obbligo) di convocare un incontro tra le parti, che potranno esporre le loro motivazioni.

3.8 Riunioni periodiche

Tutti i soci hanno il diritto (e il dovere) di partecipare alle riunioni periodiche, che verranno convocate nei luoghi e nei tempi stabiliti dal Direttivo Chi non partecipa alle riunioni è comunque tenuto ad informarsi tempestivamente presso il Direttivo su tutto quanto deliberato durante le stesse. In ogni caso il Direttivo non è tenuto a rintracciare i singoli soci per comunicazioni sull’attività sociale: saranno i soci che dovranno informarsi regolarmente sull’attività del gruppo, contattando il Direttivo. Il comportamento e l’atteggiamento dei soci partecipanti alle riunioni, considerata la breve durata degli incontri, dovrà essere improntato a correttezza, partecipazione attiva alla discussione ed attenzione, nel rispetto di tutti i presenti.

3.9 Riunioni del Consiglio Direttivo

Il Direttivo si riunirà ogni qualvolta lo ritenga necessario (su richiesta anche di un solo membro) per assumere decisioni riguardanti lo svolgimento dell’attività sociale (organizzazione e partecipazione alle gare o meeting, decisioni di spesa, decisioni di natura tecnica, tattica, disciplinare, ecc.), secondo quanto stabilito dallo Statuto dell’Associazione.

3.10 Pubbliche relazioni con l’esterno

L’Associazione mantiene le pubbliche relazioni con l’esterno e con i terzi attraverso il Direttivo, ed in particolare nella figura del Presidente, del Vicepresidente e del Segretario. In particolar modo, i rapporti con i mezzi d’informazione (stampa, radio, TV, internet, forum, ecc.) e con Enti e Federazioni sportive vengono tenuti dal Presidente: l’Associazione esternerà esclusivamente attraverso comunicati-stampa ufficiali, a firma del Presidente. Nessun altro soggetto all’infuori dei membri del Direttivo (e senza l’espressa autorizzazione di quest’ultimo) potrà relazionarsi con terzi esterni, assumere impegni ufficiali o esternare opinioni in nome e per conto dell’Associazione. Inoltre, chiunque
faccia uso del nome e del logo dell’Associazione senza averne titolo e senza preventiva autorizzazione, sarà soggetto a pesanti sanzioni.


4 – LUOGO DI SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA’

L’Associazione svolge la propria attività sempre e solo negli impianti concessi dalle Autorità locali in gestione alla stessa, in base alle proprie necessità. I modi, gli orari di utilizzo, divieti e prescrizioni di sicurezza, sono stabilità dal Direttivo e possono essere derogati temporaneamente solo da esso in forma scritta. Comunque è prevista l’attività sui terreni esterni di utilizzo pubblico.

5 – ALLENAMENTI

Il Programma degli allenamenti è stabilità da ogni allenatore/istruttore in maniera autonoma in base all’età, alle condizioni fisiche e le capacità di ogni singolo atleta. In ogni modo il Direttivo può in maniera insindacabile, intervenire sul programma di lavoro, qualora lo riterrà inadeguato o inopportuno. Ad ogni tecnico verrà assegnato il proprio gruppo di atleti, che dovranno essere seguiti in modo accurato,
attento e responsabile. Ogni tecnico è ASSOLUTAMENTE RESPONSABILE di ogni proprio atleta, sia per il comportamento che per il lavoro, come in campo di allenamento, così in campo di gara. Durante gli allenamenti si deve osservare sempre ed in qualsiasi situazione, un atteggiamento leale, corretto e rispettoso nei confronti di allenatori, compagni, avversari e pubblico. Non sono tollerati comportamenti violenti o comunque contrari alla lealtà sportiva. L’Associazione è tenuta a prendere provvedimenti disciplinari contro chi non
rispetti tali norme di comportamento ed è autorizza, in casi estremi, a sospenderli dall’attività sportiva. E’ assolutamente vietato, soprattutto ai genitori, presenziare agli allenamenti, solo in casi ritenuti di particolare necessità gli istruttori o i dirigenti potranno derogare al divieto motivando per iscritto la loro decisione. Le uniche persone che devono essere presenti sono gli istruttori ed i dirigenti della Associazione.


 6 – ABBIGLIAMENTO – ATTREZZATURE - NORME DI SICUREZZA

6.1 Abbigliamento e tenuta ufficiale

Gli atleti che partecipano a manifestazioni ufficiali a carattere competitivo promosse/patrocinate dalla F.I.D.A.L., hanno l’obbligo di
indossare durante la gara la divisa della società. I trasgressori saranno passibili delle sanzioni previste dal vigente Regolamento Federale (è prevista l’irrogazione di un’ammenda da parte del competente organo di giuria in campo). Il Presidente, in tali casi, oltre ad un richiamo verbale, potrà sanzionare il/i trasgressori recidivi con l’esclusione dal gruppo come previsto dalle norme statutarie e Federali. Tali provvedimenti sono finalizzati al rispetto degli obblighi assunti verso l’eventuale sponsor, oltre che alla tutela dell’immagine dell’associazione stessa. Per quanto attiene la partecipazione a manifestazioni di carattere non competitivo, l’utilizzo della divisa sociale è
consigliato a tutti i soci, per i motivi descritti sopra.

6.2 Disposizioni di sicurezza

I tecnici presenti in campo di allenamento e/o in campo di gara sono preposti a controllare costantemente il rispetto delle norme di sicurezza da parte degli associati, rispettarli e farli rispettare a tutti i soci ed atleti presenti. Norme di sicurezza riguardano il corretto comportamento degli atleti, corretto utilizzo degli attrezzi (soprattutto nelle specialità di lanci) e adeguato e corretto adempimento dei programmi di lavoro da parte degli atleti.

6.3 Il materiale e delle attrezzature

Il materiale presente negli impianti ed utilizzato dagli associati (materassi, blocchi di partenza, ostacoli, asticelle, dischi, pesi , e quant’altro) sono di proprietà dell’Associazione. Il Direttivo destina una parte delle quote associative all’acquisto e manutenzione di tali attrezzi. In ogni modo tutte le attrezzature devono essere utilizzate esclusivamente per scopi predestinati, maneggiati con la massima cura e attenzione. Danneggiamenti o distruzioni dovuti non al normale utilizzo saranno sanzionati con accollo d’acquisto delle attrezzature nuove da parte del responsabile del danno.

7 – CALENDARIO GARE  E DISPONIBILITA’ DEI SOCI


7.1 Calendario gare

Corsi, allenamenti e le gare di ogni livello si svolgono in base al calendario emanata dalla Federazione di competenza. Le gare ufficiali si svolgono prevalentemente di sabato e/o domenica.  
La regolare frequenza dei soci agli allenamenti e alle gare ufficiali è condizione essenziale per garantire il perseguimento degli obiettivi dell’Associazione, ed è indice di serietà ed interesse. La sistematica assenza alle agli allenamenti e alle gare, manifesta disinteresse verso l’Associazione e vanifica gli sforzi economici e di immagine che essa sostiene. Il Direttivo comunque verifica periodicamente i nominativi dei soci che partecipano poco e malvolentieri alle attività (“quando comodo”) e a questi soggetti potrà essere negata la partecipazione a gare, in base al “curriculum” di attività nell’Associazione, Tutto questo per tutelare e promuovere quei Atleti che si danno da fare e mostrano interesse per lo sporto praticato dalla Associazione.

7.2 Disponibilità dei soci

L’iscritto, al momento dell’iscrizione accetta l’obbligo di partecipare all’attività agonistica della Società qualora il tecnico di riferimento lo ritiene pronto ed adeguato ,convocandolo ad una competizione sportiva. Nel caso della convocazione da parte dei responsabili dell’associazione (sia verbalmente che per iscritto) il socio è tenuto a garantire la sua presenza salvo imprevisti dell’ultima ora che devono
comunque essere segnalati e giustificati per tempo. Se vi sono assenze per attività già programmate (settimane bianche, gite scolastiche, viaggi, ecc.) la famiglia dell’atleta è invitata a segnalarlo con anticipo all’allenatore. Le assenze prolungate dagli allenamenti senza una adeguata giustificazione o motivazione comportano, dopo 30 giorni consecutivi, l’esclusione dell’atleta da ogni attività della Associazione senza alcun rimborso della quota versata.


8 - NORME CHE REGOLANO LA COPERTURA ASSICURATIVA OBBLIGATORIA

8.1 Disposizioni di Legge

A norma di Legge (Art. 51 legge 27-12-2002 n. 289 – “Disposizioni in materia di assicurazione degli sportivi”) gli sportivi dilettanti tesserati sono soggetti all’obbligo di assicurarsi. Pertanto tutti i soci sono obbligati ad essere assicurati contro gli infortuni. L’Associazione, attraverso l’affiliazione alla FIDAL Federazione Italiana di Atletica Leggera riconosciuto dal  Coni, fornisce ai soci una copertura assicurativa annuale, che copre i casi di infortunio, morte, invalidità permanente durante lo svolgimento dell’attività sportiva. Le caratteristiche della polizza e delle relative coperture verranno comunicati ai soci ogni anno, in sede di rinnovo.

8.2 Sinistri o infortuni

In caso di sinistro o di infortunio (che avvenga esclusivamente durante le attività dell’Associazione), per espletare le pratiche di rimborso il socio dovrà rivolgersi solo ed esclusivamente al Direttivo, e dovrà produrre con la massima tempestività tutta la documentazione che gli verrà richiesta per completare la pratica. In ogni caso il rimborso del danno avverrà secondo le norme che regolano il contratto di assicurazione in vigore al momento dell’infortunio: l’Associazione, pur attivando la pratica con la massima urgenza possibile, non è in alcun modo responsabile dei modi e dei tempi in cui si perfeziona il rimborso assicurativo. Inoltre l’Associazione non è tenuta in alcun modo ad anticipare per conto proprio rimborsi danni e/o spese mediche. Sono assolutamente vietati anticipi spese o rimborsi “in privato” tra soci o terzi: il rimborso avviene solo ed esclusivamente per le vie ufficiali, attraverso la Compagnia Assicurativa o Federazione Sportiva di riferimento.

9 – DISPOSIZIONI FINALI RIGUARDANTI IL PRESENTE REGOLAMENTO

9.1 Disposizioni ed osservanza

Il presente Regolamento Interno è parte integrante e indivisibile dello Statuto dell’Associazione. Ogni socio deve accettare il presente Regolamento all’atto dell’iscrizione. Tutti sono tenuti all’osservanza delle norme contenute nel presente Regolamento, così come tutti sono tenuti a ricordarle e a farle rispettare agli altri.

9.2 Modifiche

Eventuali modifiche al presente Regolamento vanno proposte al Direttivo e dallo stesso deliberate. Per tutto quanto non eventualmente contemplato o disciplinato dal presente Regolamento, si farà sempre riferimento allo Statuto dell’Associazione, alle Leggi vigenti, nonché alle norme del Codice Civile.

 
Fatto, letto,
approvato e sottoscritto

Firmato:
I membri del Direttivo dell’Associazione Sportiva Dilettantistica
OLIMPIA ATLETICA NETTUNO


 


Aff.ne FIDAL - RS050
Reg. CONI - № 34396